Una serie di incipit

Categories Chiacchiere
una_serie_incipit

Non mi sono ancora raccontato molto in questo blog, ma qualcuno mi ha consigliato di farlo. Sento di essere contemporaneamente timido e arrogante quando parlo di me o delle mie esperienze, e questo è stato il principale motivo per cui, fino ad ora, ho deciso di non aprirmi del tutto.

Scegliere degli argomenti tecnici era la strada più facile per potermi esprimere senza esprimere la mia opinione, per poter piacere a tutti o almeno a qualcuno senza risultare mai divisivo, antipatico, egocentrico: l’ultimo in particolare è un difetto che vorrei nascondere al massimo.

Come descrivere il mio presente? Parlando del mio passato e del mio futuro, ovviamente. Una grande somma della mia vita consiste nell’iniziare qualcosa, crederci per un po’ e poi buttare tutto a mare. Interrompere il mio progresso, diffidare del mio talento, ucciderlo perché non voglio rinfacciarlo a nessuno… Ecco, hai visto? Sono un egocentrico.

frustrazion
Foto di Chiara Peccerillo

Perché non riesco a mettermi al tuo stesso livello, ma sempre sopra o sotto di te? Costantemente alla ricerca di un equilibrio nei confronti dell’altro, senza mai trovarlo perché per me tutto deve essere bianco o nero. So benissimo che esistono tutte le altre sfumature, percepibili o meno, ma non riesco a infilarmici: sto chiedendo troppo da me, o troppo poco?

Una serie di domande, come una serie di incipit sono i miei lavori o le mie ambizioni creative, sono quello che rimane, insieme alla frustrazione della mancanza di un vero obbiettivo o di un’unica aspirazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *